Una bambola gonfiabile che distribuisce anche birra?

Sappiamo molto bene che in Giappone hanno una strana passione per le bambole gonfiabili e i robot. Vogliono forse sostituire l’umanità con un esercito di cloni perfettamente uguali a noi esseri umani, per poi eliminare gli esseri umani dalla faccia della terra? Questo non è ancora molto chiaro. Tuttavia non si può negare che la volontà di “tecnologizzare” le persone e soprattutto le bizzarre idee e ancora di più i risultati che le varie industrie giapponesi stanno ottenendo hanno qualcosa di inquietante.

Vi abbiamo raccontato degli IDollators, quegli uomini che hanno perso interesse nei confronti delle donne, per diversi motivi, e ora collezionano bambole gonfiabili e “le frequentano”, fino addirittura a sposarle. Vi abbiamo raccontato dell’Hotel Hen-na, un hotel in Giappone dove il personale non è umano, ma composto da ragazze-robot, che sembrano tuttavia delle ragazze in carne ed ossa (cambiano espressione e sbattono le palpebre).

Ora è il momento delle bambole gonfiabili dalla pelle soffice e che spruzzano birra dai capezzoli.

Si, è inutile usare mezzi termini; si tratta proprio di questo. Le feste giapponesi sembrano avere assunto tutto il brio che necessitavano grazie a questa invenzione. Del resto, quale festa può essere definita tale senza questa incredibile e immancabile attrazione? Come fate a divertirvi ad una festa senza di lei?

Il suo prezzo è di circa 5000 dollari e si tratta di una bambola gonfiabile, ovviamente un sex toy, iper-realistica, e che, in seguito ad una stimolazione dei capezzoli, si comporta come una vera e propria fontana. L’idea è certamente geniale, e questo è innegabile. Ma c’è qualcosa, in tutta la faccenda, che lascia abbastanza intimoriti.

Il suo prezzo è elevatissimo ma la spesa può essere bilanciata, come suggerisce il web, “tassando” i festaioli che approfittano della bambola, toccandola troppo a lungo o prendendo troppo da bere. In sostanza, stringendo un seno si ottiene una fontanella di birra dall’altro. Ti piacerebbe averla alla tua prossima festa?

Ricevi le nostre Newsletter per rimanere aggiornato
Precedente Professor Franco Berrino: il suo parere su alimentazione e diete